• Facebook
  • Twitter

News


News

 

Alle ore 14:00 di oggi 15/05/2020, la delegazione di Apeca Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza è stata ricevuta da Regione Lombardia a seguito del Flash Mob svoltosi alle ore 11:00 dello stesso giorno in Piazza Città di Lombardia, sede del governo della Regione Lombardia.

La delegazione ha consegnato la nostra bozza di linee guida per la riapertura delle attività economico commerciali esercitate su area pubblica, trovando da subito largo consenso e condivisione in numerose parti di essa.

A conclusione dell’incontro abbiamo ottenuto larghe rassicurazioni che gran parte dei contenuti del nostro documento saranno utilizzati da Regione Lombardia nel tavolo apertesi a livello nazionale con tutte le altre regioni per l’individuazione di un unitario indirizzo sulle riaperture degli esercizi commerciali.

In particolare, per quanto riguarda i mercati la rassicurazione è stata la riapertura degli stessi con tutte le merceologie, sia alimentare che non alimentare, già dal prossimo 18 maggio (ovviamente previo i tempi tecnici della riorganizzazione delle amministrazioni comunali).

In merito al contenimento e distanziamento infra-personale, abbiamo convenuto un criterio unitario, tanto che abbiamo proposto un metro di distanza tra banco a banco e Regione Lombardia si è trovata d’accordo, dichiarando di essere già arrivata alla medesima considerazione.

Ogni ambulante dovrà mettersi in condizione di avere un’area di almeno un metro davanti al suo banco per ospitare i suoi clienti che dovranno comunque mantenere le distanze tra loro.

Nella considerazione che l’area mercato è un’area aperta al pubblico, per mantenere uno standard e livello di sicurezza adeguato abbiamo tutti convenuto che i presidi igienici e di sicurezza (mascherine e guanti) debbano essere obbligatori per tutti i frequentatori del mercato, operatori e clienti. Inoltre gli operatori metteranno a disposizione il gel igienizzante per i propri clienti.

Abbiamo rimarcato che il commercio su area pubblica non è fatto solo dai mercati, ma da molte attività che si svolgono in modi differenti. Regione Lombardia ha recepito questo concetto e laddove le fiere siano assimilabili ai mercati, ripartiranno anche le fiere.  Ripartiranno i posteggi isolati e i chioschi, e gli itineranti potranno ricominciare ad esercitare la propria attività, che peraltro si può già oggi considerare vendita da asporto (take-away).

La questione dell’eventuale transennamento delle aree di mercato, come una più coerente identificazione della saturazione dei clienti all’interno di essa, sarà frutto di valutazione congiunta con la riunione interregionale in corso in questo momento, ultimata la quale le varie Regioni provvederanno all’emanazione dei relativi provvedimenti indirizzati alla ormai necessaria riapertura delle attività economico- commerciali.

Per ultimo ma non per ultimo, abbiamo trattato il tema di tutti gli operatori commerciali su area pubblica che esercitano collateralmente agli eventi ludico-ricreativi e sportivi, che purtroppo, saranno gli ultimi a ripartire. Per questi, abbiamo chiesto un impegno forte e concreto da parte della politica di Regione Lombardia perché individui sostegni economici adeguati alle necessità e alle difficoltà che dovranno ancora per lungo sostenere questi nostri fratelli ambulanti.

 

Icona documento 'Formato PDF'Nostre linee guida riapertura mercati (formato Doc)

Icona documento 'Formato PDF'Articolo su Il Giornale (formato Pdf)

Icona documento 'Formato PDF'Articolo su Il Giorno (formato Pdf)

Icona documento 'Formato PDF'Articolo su Il Corriere della Sera (formato Pdf)

Icona documento 'Formato PDF'Articolo su La Repubblica (formato Doc- 48 KB)

 

Data ultimo aggiornamento: 16/05/20
Categoria: News
Tipologia: Regione Lombardia